Piedimulera 0 - 1 Città di Cossato: cronaca e tabellino

PIEDIMULERA (4-4-2): Ricotti, Mammucci, Budelli, Gueye (18’st Balbuena), Wallingre, Mainini, De Giuli (23’st Luotti), Parachini (30’st Mattioni), Gallini, Ceschi, Viscomi (39’st Mancuso). A disposizione: Coello, Maesano, Stucchi, Simona. Allenatore: Roberto Bonan.


CITTA’ DI COSSATO (4-4-2): Zenoni, Adamo, Cremonte, Badan, Celussi, Ndiaye, Canton, Curatolo, Panariello, Marteddu (39’st Rocco), Sabin. A disposizione: Bruscagin, Martescu, Franco, Hamine, Canessa, Ferrero, Salzano, Appendino. Allenatore: Thomas Forzatti.


ARBITRO: Luca Cattaneo di Novara

ASSISTENTI: Gianluca De Maria e Davide Palmulli di Torino


MARCATORI: 4’st Canton (C)

AMMONIZIONI: Wallingre per il Piedimulera


Il Città di Cossato espugna lo Stadio Angelo Terzi di Piedimulera con il risultato di 1 a 0, in una partita combattuta e giocata ad un buon ritmo da entrambe le compagini. I ragazzi di mister Bonan avrebbero forse meritato il pareggio per quanto espresso in campo, ma gli ospiti sono stati più incisivi e hanno conquistato 3 punti fondamentali per riportarsi a una sola lunghezza dalla vetta.


Il primo sussulto del match dopo pochi secondi con Parachini che dalla destra serve un cioccolatino per Ceschi e De Giuli che da due passi mancano l’impatto. Cossato vicinissimo al gol al 7’ quando Canton dal vertice destro dell’area batte una punizione di potenza, la sfera colpisce il palo esterno. Azione da rivedere al 29’: Ndiaye vince un 1 contro 1 con Ceschi e lancia sulla sinistra Cremonte, il suo cross viene raccolto sul secondo palo da Curatolo che già pregusta la rete, ma Budelli sulla linea salva, proteste biellesi per un presunto tocco di mani; corretta la decisione del direttore di gara di non intervenire. Al 37’ è invece il Piedimulera a sfiorare la marcatura grazie al preciso calcio piazzato di Mainini dal limite dell’area, solo l’incrocio dei pali gli nega la gioia del gol. Proteste anche sul fronte ossolano al 39’: corner di Parachini, Mammucci da fuori area tenta il tiro disturbato da un difensore ospite, la sfera carambola sui piedi di Gallini che a centro area va alla conclusione, Ndiaye si oppone e anche i gialloblù lamentano un presunto tocco con il braccio; anche in questa occasione non sussistono gli estremi per il penalty. Al 42’ corner dalla destra di Viscomi per la testa di Gallini che svetta solitario, ma la sua incornata non trova fortuna.


Al rientro dagli spogliatoi le emozioni continuano. Dopo 3’ brivido per il Città di Cossato: retropassaggio di Ndiaye per Zenoni che gliela restituisce, si inserisce però Viscomi che appoggia per Ceschi, il quale in area piccola, spalle alla porta non arriva alla conclusione. Il gol che decide la gara arriva al 4’ ed è tutta opera di Canton che conquista palla nella propria trequarti e galoppa verso la porta, superando diversi avversari fino ad arrivare a tu per tu con Ricotti e a spedire in rete. Al 13’ Mammucci dalla destra apre per De Giuli, che fa da sponda per Ceschi, ma il suo tiro dalla distanza si perde sopra la traversa. Al 16’ è invece Viscomi a provare a sorprendere Zenoni, la sua conclusione dal limite dell’area viene murata dai difensori avversari e il portiere biellese blocca senza problemi. I ragazzi di mister Bonan si sbilanciano in avanti alla ricerca del pareggio, concedendo più spazi per le ripartenze ospiti. Al 21’ Panariello tenta di approfittarne e dopo una lunga corsa si presenta davanti a Ricotti che con un ottimo intervento gli dice di no. Azione fotocopia sul fronte opposto al 35’ quando il neo-entrato Balbuena prende palla a centrocampo e punta direttamente l’area di rigore, il suo tiro è potente ma non preciso e la sfera è facile preda di Zenoni. Botta e risposta e al 38’ la punizione dai 20 metri di Canton impegna Ricotti che si distende. Al 44’ è il giovane Mancuso ad avere l’opportunità di ristabilire la parità, ma da due passi non trova il tap-in vincente sulla lunga rimessa di Mammucci. L’ultima azione della gara si registra al 46’ ed è di marca biellese, con Panariello che sfrutta una ripartenza, ma Wallingre è fenomenale nel recupero e lo contrasta al momento del tiro.