Asd Piedimulera Calcio

Via Boiti, 1 - 28885 Piedimulera (VB) Tel. 0324.842596

Fax 0324.846077

P.IVA 01432190039

C.F. 83004230039

Email: piedimulera.calcio@tiscali.it

LINK UTILI:

VCO Azzurra TV

OssolaSport

IAM Calcio Vco

Vco24

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

© 2018 by Martina Tomola. Proudly created with Wix.com

 

Piedimulera-Bianzè 1-1: cronaca e tabellino

PIEDIMULERA (4-3-3): Rezzonico, Tasin, Lenz, Corvino, Di Stefano, Mainini, Progni, Tinelli, Ceschi (29’st De Tomasi), Boscolo (13’st Luotti), Erbetta. A disposizione: Maruzzi, Barone, Delvecchio, Fiandaca. Allenatore: Marco Poma


BIANZE’ (4-3-3): Appendino, Cortese, Valrosso (45’pt Pasini), Geminardi, Rega, Balocco, Gatti (1’st Panipucci), Ciraulo, Federico, Porcelli, Marteddu. A disposizione: Zollo, Sigaudo, Stella, Augusti. Allenatore: Alberto Costanzo


ARBITRO: Luca Cattaneo di Novara

ASSISTENTI: Luca Cinato e Giuseppe Giuliano di Nichelino


MARCATORI: 25’pt Tinelli (P), 46’st Marteddu (B)

AMMONIZIONI: Corvino e Di Stefano per il Piedimulera, Federico e Marteddu per il Bianzè


1 a 1 è il risultato finale nella partita salvezza tra Piedimulera e Bianzè: i gialloblù passano in vantaggio nel primo tempo e concedono pochi spazi agli avversari, ma vengono beffati all’ultimo minuto. Vittoria sfumata per gli ossolani, ancora alla ricerca dei tre punti che permetterebbero di risalire la china dei playout, mentre per i ragazzi di mister Costanzo buon punto guadagnato per non essere superati in classifica dallo stesso Piedimulera.


Nei primi minuti partono forte i vercellesi che dopo soli due giri di orologio potrebbero portarsi in vantaggio: punizione sulla sinistra di Porcelli, palo interno, palla sui piedi di Geminardi che a porta vuota manda clamorosamente fuori. Dopo una fase di smarrimento, i ragazzi di mister Poma entrano in partita e creano diverse occasioni. Al 7’ Progni dalla destra si accentra e calcia, Appendino con la punta delle dita si rifugia in angolo. Sul corner conseguente, Progni allarga sulla sinistra per Erbetta che serve Boscolo, il cui tiro di prima termina di pochissimo a lato. Al 21’ ci prova Corvino dopo una bella azione corale, la difesa devia e Appendino blocca. Il gol che sblocca la partita arriva al 25’: Boscolo apre sulla sinistra per Erbetta che dal fondo mette in mezzo una palla d’oro per Tinelli che sottoporta appoggia in rete l’1 a 0 ossolano. Al 34’ velenoso corner di Erbetta, la retroguardia ospite in qualche modo sventa il pericolo, Lenz dalla lunga distanza stoppa di petto e calcia al volo, grande intervento dell’estremo difensore vercellese che non si fa ingannare dal rimbalzo. Occasionissima per i gialloblù al 36’: Tinelli parte in contropiede e apre sulla destra per Progni, i due si rendono poi protagonisti di un pregevole scambio nello stretto, al termine del quale Progni si trova tutto solo davanti ad Appendino che è strepitoso ad abbassare la saracinesca.


Nella ripresa bisogna attendere il 13’ per vedere un’azione degna di nota con Boscolo che fa 20 metri palla al piede, ma non inquadra lo specchio della porta; lo stesso Boscolo si infortuna subito dopo ed è costretto ad abbandonare il terreno di gioco. Bianzè vicinissimo al pareggio al 16’: Porcelli dalla destra imbecca a centro area Marteddu che stava già pregustando il sapore del gol, ma Rezzonico in uscita è semplicemente miracoloso e Geminardi spedisce ancora sul fondo da ottima posizione. Al 19’ discese sulla sinistra di Erbetta, cross pennellato per Progni che sbuca alle spalle di tutti, ma di controbalzo manda alto. La partita è movimentata, ma le due compagini fanno fatica a trovare gli spazi. Al 35’ Tinelli si invola verso la porta e la sua conclusione dal limite viene sporcata; dalla bandierina, Progni scambia con Erbetta, ma il suo sinistro viene ben intercettato dall’attento Appendino. Al 39’ grande anticipo di Tasin sulla fascia sinistra e palla in mezzo per Lenz, il suo tiro è centrale e Appendino fa sua la sfera. Doccia fredda per il Piedimulera al 46’ quando su uno spiovente dalle retrovie si avventa Marteddu, che dalla destra si beve due avversari e con un preciso diagonale insacca nell’angolino basso. L’ultima emozione della gara si registra al 48’ quando Progni da posizione defilata spedisce alto di un soffio.