top of page

Tante emozioni nel ritorno di Coppa: contro il Villa termina 4 a 3

PIEDIMULERA (4-3-3): Ricotti, Della Vedova (23’st De Tomasi), Guglielminetti (29’st Ciocca), Preiata, Colombo, Mainini, Montagnese, Afri, Martelli (21’pt Hado), Inguscio (12’st Naggi), Maesano (20’st Garda). A disposizione: Rizzetto, Alessi Anghini, Squillaci, Vadalà. Allenatore: Marco Poma.


VIRTUS VILLADOSSOLA (4-3-3): Barba, Capasso, Martinella, Sistino, Cotroneo (16’st Giorgetti), Guerra, Gagliardi (14’st Rossi), Pezzi, Palfini, Piana (25’st Bianchetti), Castanò (20’st Pasin). A disposizione: Nisticò, Antonini, Alberti Violetti, Teani, Carrera. Allenatore: Manolo Giampaolo.


ABIRTRO: Luca Cattaneo di Novara


MARCATORI: 8'pt Palfini (RIG V), 29'pt Inguscio (P), 31'pt Inguscio (P), 48'pt Pezzi (V), 32'st Garda (P), 35'st Martinella (V), 37'st Naggi (P)

AMMONIZIONI: Della Vedova per il Piedimulera, Palfini per il Virtus Villadossola


Il Piedimulera supera il Virtus Villadossola con il risultato di 4 a 3 nella gara di ritorno di Coppa Piemonte e si assicura il passaggio del turno. La gara, disputata in notturna allo Stadio Bonomini di Vogogna, ha regalato tante emozioni ai tifosi presenti, con le due compagini che si sono affrontate a suon di gol.


La prima emozione del match si registra all’8’ quando gli ospiti rompono il ghiaccio e siglano la prima rete di serata: Palfini approfitta di una disattenzione nella retroguardia gialloblù, entra in area dalla sinistra e viene atterrato fallosamente da Colombo. Il direttore di gara assegna il penalty a favore del Virtus Villa che lo stesso Palfini trasforma, spiazzando Ricotti. Il Piedimulera non si perde d’animo e nei minuti successivi va più volte vicino al pareggio. All’11’ il corner dalla sinistra di Preiata trova la testa di Martelli, che svetta tutto solo, ma spedisce a lato. Al 13’ Montagnese da fuori area si libera di due avversari e tenta di sorprendere il portiere avversario, la conclusione è però centrale e facile preda di Barba. Lo stesso Montagnese al 27’ affina la mira e con un esterno questa volta impegna severamente Barba che viene chiamato agli straordinari per salvare i suoi. I ragazzi di mister Poma spingono sull’acceleratore e in due soli giri di orologio la rimonta è cosa fatta, grazie alla doppietta di Inguscio. Al 29’ bella azione corale dei gialloblù, Maesano premia l’inserimento sulla sinistra di Inguscio che con un preciso diagonale spedisce dove Barba non può arrivare. Al 31’ è invece Della Vedova dalla destra a trovare sottoporta Inguscio che da due passi calcia di prima intenzione, palla sotto la traversa e 2 a 1 per i padroni di casa. Al 32’ occasione persa per il Piedimulera con Hado che serve Maesano con i tempi giusti, l’attaccante gialloblù tutto solo davanti a Barba tenta il pallonetto, ma l’estremo difensore ospite in due tempi si oppone. Barba ancora protagonista al 37’ sul tiro di controbalzo di Montagnese, che ancora una volta si vede negare la gioia del gol. Il Virtus Villa soffre, ma non demorde e al 48’ trova la rete del pareggio grazie a Pezzi che da due passi è il più lesto e concretizza un cross dalla destra.


Al rientro dagli spogliatoi i ritmi restano alti e le due compagini si affrontano a viso aperto. Al 2’ la punizione dal limite dell’area di Mainini è diretta all’incrocio, uno strepitoso Barba si oppone. Risponde il Virtus Villa al 15’ con Castanò che entra in area dalla destra, ma tutto solo davanti a Ricotti si fa ipnotizzare. Ancora biancoblu pericolosi al 27’ con Palfini che dal fondo serve un cioccolatino per Pasin, il quale all’altezza del dischetto calcia a botta sicura, ma manda clamorosamente a lato di un soffio. Al 32’ il 3 a 2 gialloblù è cosa fatta: il lancio di Naggi per Hado coglie impreparata la difesa ospite, il bomber ossolano serve centralmente Garda che ha tutto il tempo per piazzare la sfera alle spalle dell’incolpevole Barba. La partita resta viva, con i ragazzi di mister Giampaolo che con determinazione riagguantano il pareggio grazie al calcio piazzato dal limite dell’area di Martinella, la palla passa sotto la barriera e si infila all’angolino basso. Alla fine ad avere la meglio è però il Piedimulera che al 37’ sigla il definitivo 4 a 3 in seguito ad un’azione insistita: tiro-cross dalla sinistra di Montagnese, tap-in di Garda, grande riflesso di Barba, ma la sfera rimane lì e Naggi a porta vuota scaraventa in rete.


25 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page